E’ un metodo di avviamento al lavoro rivolto a determinate categorie di soggetti, tra cui:

  • invalidi civili;
  • invalidi del lavoro;
  • invalidi per servizio e di guerra;
  • profughi;
  • non vedenti;
  • sordomuti;
  • vittime del terrorismo e della criminalità organizzata;
  • orfani e coniugi superstiti di deceduti sul lavoro, in guerra o per servizio.

Per facilitare l’inserimento al lavoro delle categorie protette, la Legge 68/1999 stabilisce una serie di obblighi e di incentivi per i datori di lavoro.